menu
Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente, motivi statistici e pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più Clicca qui.
Accetto
OlisticMap - Osteofluidica® Cranio Sacrale

Osteofluidica® Cranio Sacrale

“pas plus fort qu’un papillon se posant sur une fleur” (non più forti di una farfalla che si posa su un fiore) Maurice Raymond Poyet

Cos'è e a cosa serve

L'Osteofluidica® è un' evoluzione del metodo Poyet divenuto in Francia un metodo clinico. Si tratta di un metodo di correzione dolce di ripristino dei dinamismi di motilità intrinseci, presenti in ogni zona del corpo nell’individuo; si attua attraverso una diagnosi precisa effettuata sul cranio e si effettuano le correzioni specifiche sull’osso sacro, che agisce come fosse una tastiera di comando in grado di ripristinare la vitalità e la motilità in tutto la colonna vertebrale dal coccige al cranio. L'Osteofluidica® agisce come una riflessoterapia omeopatica informazionale essendo le stimolazioni, come amava dire M.R.Poyet, “pas plus fort qu’un papillon se posant sur une fleur” (non più forti di una farfalla che si posa su un fiore) .

Effetti e benefici

L'Osteofluidica® è utile in caso di lombaggine, cervicalgie. traumi da cadute, fratture legno verde- composte-scomposte, per accelerare i tempi di guarigione post intervento chirurgico e migliorare l’effetto della riabilitazione oppure per permettere un riassorbimento più rapido dello stato edematoso, sinusiti, allergie, mal di testa, emicranie, mestruazioni dolorose, attacchi di panico, ansia, sciatalgie, dorsalgie (anche croniche), traumi sportivi, slogature, epicondiliti.
E, ancora, possono essere trattati anche disturbi frequentemente riscontrabili nei neonati e nei bambini: otiti ripetute, rigurgiti, forme allergiche, turbe del comportamento, difficoltà di concentrazione, ipercinesi, scoliosi e attitudini scoliotiche, traumi dovuti a cadute e/o incidenti.
Il Metodo è d’aiuto anche alle donne in gravidanza con dolori alla schiena, che devono partorire con taglio cesareo o quando sussiste una minaccia di parto prematuro. E' d'aiuto alle puerpere se soggette alla cosiddetta depressione post–parto. In particolare, in caso di parto cesareo, è utile per riportare in essere la circolazione energetica interrotta dalla cicatrice. E ancora: la disciplina è utile a correggere la struttura del bacino dopo il parto, i disordini dell’apparato riproduttivo e le vampate di calore tipiche della menopausa, traumi emozionali intensi, elaborazione di distacchi, lutti.
Indicata per problemi mandibolari, squilibri occlusali, emicranie, sindrome del trigemino, fibromialgia, stress generalizzato, stati ansiogeni, difficoltà digestive, dolori mio fasciali, cervico-brachialgie e cefalee muscolo tensive.

Origini e storia

William Garner Sutherland affermò nel 1920 che le ossa del cranio non erano fuse tra loro, come comunemente si credeva fino ad allora, ma bensì articolate per interposizione di tessuto connettivo e rilevò per primo che esse effettuavano dei micro movimenti di flesso-estensione ed intra ed extra-rotazione . Rilevò, tramite studi condotti su sè stesso, la presenza nel cervello di un movimento involontario ritmico di espansione/retrazione di 8-14 movimenti al minuto e che esso permetteva le fluttuazioni ritmiche (indipendenti dai movimenti cardiaci e respiratori) che agivano come un meccanismo idrodinamico attraverso tutto l’organismo.
Su queste basi Poyet estese i movimenti vitali ritmici craniali a tutte le ossa dello scheletro : fu un grande lavoro d’indagine e di analisi! Scoprì delle relazioni fondamentali cranio-pelviche, che determinano la qualità dei micromovimenti al cranio, e intuì e trovò una rete reattiva di collegamenti energetici in grado di riportare velocemente all’organismo le proprie capacità di auto guarigione, che con semplici sfioramenti informativi ed induttivi “non più pesanti di una farfalla che si appoggia su un fiore” per reazione a catena si diffondevano e agivano sul corpo. Questa rete reattiva energetica della dinamica circolatoria dei fluidi l’individuò sull’osso sacro. Poyet affermava la necessità di restituzione e armonizzazione della motilità quale condizione indispensabile al libero potenziale espressivo della mobilità, secondo la MTC (medicina tradizionale cinese) la motilità (Yin) è madre della mobilità (Yang). Prendere coscienza di questi movimenti appena percettibili ha consentito l’apertura a una scienza estremamente fine e precisa. (tratto da: Osteofluidica-il Cammino della Salute)

A chi è consigliato

È consigliato sia agli adulti che a neonati e bambini. Particolarmente indicato per le donne in gravidanza che soffrano di dolori alla schiena, che prevedano un parto cesareo nonché in caso di minaccia di nascita prematura. E' indicato anche per le puerpere e le donne in menopausa.

Età consigliata

L’Osteofluidica® è indicata per tutte le età.

Particolarmente efficace se praticate insieme a…

Questo metodo completo si avvale nei suoi protocolli degli studi di Polarity Therapy di R.Stone; Kinesiologia di J.Thie; Zen Shiatsu di S.Masunaga; Osteopatia Craniale e Terapia Cranio Sacrale; Osteodouce Quantica di J.Roux; Osteogenealogia di F.Rizzo.

Requisiti formativi di un bravo operatore

Un operatore abilitato in Osteofluidica® Cranio Sacrale deve possedere un atteggiamento virtuoso, praticando quotidiane sessioni di Auto-Riequilibrio al fine di essere onesto nei confronti di sè stesso e delle persone con cui stabilisce relazione di aiuto. Aver conseguito l’Attestato di Formazione Completa in Osteofluidica® Cranio Sacrale.

Diffusione della disciplina e tendenze in Italia e nel mondo

Poyet diffonde in Francia il suo metodo dalla metà degli anni 80 fino ai primi anni 90. Successivamente il suo stato di salute non gli permette la continuazione del suo insegnamento e la sua scuola deve chiudere. Dopo poco tempo Poyet lascia il corpo fisico ed i suoi allievi danno inizio alla divulgazione del metodo attraverso seminari e corsi.
Lo scambio permanente in educazione sanitaria,la globalizzazione e la divulgazione di esperienze formative fanno registrare sviluppi del metodo in Spagna, Svizzera, Belgio, Italia, Quebec, Congo, Argentina e Canada.
Nella maggioranza dei casi chi insegna tale metodo, lo integra con metodi complementari quali chinesiologia, bioenergetica, costellazioni familiari, sofrologia, touch for healt, zen shiatsu, drenaggio linfatico, riflessologia.
Il metodo prende cosi denominazioni differenti: “meta-osteopatia”, “osteopatia energetica”, ”osteopatia dolce”, ”osteopatia fluidica all'ascolto del corpo”, “armonizzazione cranio sacrale”, “terapia cranio sacrale Poyet”, “armonizzazione energetica globale”, “terapia manuale informazionale”(il nome che Poyet scelse), “osteopatia olografia”, “metodo Poyet” ecc.

Libri consigliati per saperne di più

Fabio Rizzo: Osteofluidica - il Cammino della Salute - Cause Energetiche dei disturbi e Cura dell’Essere Umano

Brevi note biografiche sull'autore

Fabio Rizzo
Divulga attraverso seminari e congressi metodi di Riequilibrio Energetico ed Auto-Riequilibrio. Gli strumenti di attuazione pratica sono codificati nei protocolli terapeutici Osteofluidica® Cranio Sacrale, Myofascial Expert Touch, Osteopatia Quantica e Osteo-Genealogia . Il focus che unifica e vivifica il suo approccio terapeutico e didattico è sulla visione analogica sintomo/significato animico quale unica via Sincronica per l’Auto-guarigone dell’Essere Umano.

Disclaimer
Om OlisticMap contiene informazioni riguardanti le discipline olistiche, bio-naturali, medicine non convenzionali, le professioni della relazione di aiuto, che hanno lo scopo comune di migliorare la qualità della vita delle persone o delle organizzazioni, mediante lo sviluppo delle potenzialità e il riequilibrio delle risorse vitali, per favorire il raggiungimento, il miglioramento e la conservazione del benessere naturale.
Tali informazioni non sostituiscono in alcun caso il consiglio di un medico o di altri operatori sanitari che sono i soli soggetti abilitati legalmente alla professione. Le pratiche descritte non si prefiggono la diagnosi e la cura di specifiche patologie, non sono riconducibili alle attività di cura e riabilitazione fisica e psichica della popolazione e agiscono al di fuori di qualsiasi concetto terapeutico attinente all'ambito sanitario.